Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2020  maggio 22 Venerdì calendario


Biografia di Roosevelt Jerman

Roosevelt Jerman (1929-2020). Maggiordomo. «Lucidò stoviglie d’argento per Dwight Eisenhower: era il 1957. Servì il caffé a John Fitzgerald Kennedy, promosso al rango di butler, maggiordomo, grazie all’aiuto di Jackie che lo aveva preso in simpatia. Poi divenne il cameriere più fidato di George W. Bush: aiutando il presidente insonne a ritrovare il sonno con aneddoti della sua gioventù. Fino a quell’ultima immagine. Dove Wilson Roosevelt Jerman, il più longevo membro dello staff della Casa Bianca, ucciso dal coronavirus martedì, a 91 anni, sorride, in ascensore, al fianco degli Obama. Uno scatto così simbolico - il cameriere nero in livrea con alle spalle la prima coppia presidenziale afroamericana - da essere stato inserito da Michelle Obama nella carrellata di immagini che illustrano la sua autobiografia, Becoming .
“Era un uomo gentile. La prima persona che vedevamo al mattino, l’ultima prima di coricarci. Per noi aveva sempre un sorriso e una leccornia”: George W. Bush lo ricorda così nel messaggio di cordoglio firmato con la moglie Laura, recapitato a Nbc News. Perché Jerman, 55 anni trascorsi alla Casa Bianca al servizio di 11 presidenti, era davvero amato da tutti. E peccato che, in tempi di coronavirus, il fedelissimo di così tanti leader non avrà nemmeno un funerale. Nato in Virginia nel 1929, l’anno della grande crisi, sposatosi a 19 anni e padre di cinque figli, nonno di 12 nipoti e 18 di bisnipoti, Jerman si accontenterà di un addio virtuale. Con forse più di un presidente ad asciugarsi le lacrime, in diretta su Zoom» [Lombardi, Rep].