Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2020  marzo 25 Mercoledì calendario


Biografia di Luigi Pallaro

Luigi Pallaro (1926-2020). Imprenditore. Politico. Perito industriale. È stato presidente di Feditalia, confederazione delle federazioni italiane d’Argentina, dove emigrò nel 1952. Nel 2006 fu uno dei sei senatori eletti dalla circoscrizione Estero, fondamentali per la sopravvivenza del Prodi II (nel gennaio 2008 disertò la votazione che ne sancì la caduta). «Si presentò dicendo “chiunque vinca, io starò con l’esecutivo” e per mesi tenne tutti col fiato sospeso: “C’è Pallaro? Il governo regge o va sotto?”» [Stella, CdS]. Scandalizzò molti il suo voto alla Finanziaria di fine 2006: un “sì” in cambio di 14 milioni di euro da destinare agli italiani all’estero: «È la prima volta che un governo compra in modo trasparente il voto di un senatore», disse Gianfranco Fini. Nel 2008 mancò la rielezione (e sollevò dubbi sulla validità del voto). Nel 1991 fu fatto Grande ufficiale della Repubblica da Francesco Cossiga. Nel 2009 rimase vedovo di Nélida Pappini. Lascia i figli Rosana e Nancy.