Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2020  marzo 25 Mercoledì calendario


Due belle cose che ho visto

Ieri nell’uscita settimanale al supermercato sono successe due cose belle e una triste. La prima cosa bella è successa sul marciapiede, in fila per entrare. Era una fila ordinata e composta di quelle che in Italia ce le sognavamo, ma viva e varia come la vita, la vita normale a cui pensiamo già con nostalgia, ma chissà se ce lo ricorderemo quando tutto questo finirà come è bello e ricco ogni istante. In fila si stava come in treno quando nello scompartimento c’è chi legge un libro, chi fa i videogiochi, chi parla troppo forte al telefono e chi osserva il paesaggio fuori dal finestrino, anche se il paesaggio era solo uno stradone deserto di Milano.
E come in treno ti veniva da guardar male la ragazza che urla al telefono fregandosene degli altri e bene quella assorta in un librone grosso così e allora capisci che la vita normale non finirà mai, finché c’è vita, soltanto ci si adatta ai cambiamenti, ed è bello che sia così. Non ne usciremo perfetti o purificati, ne usciremo uguali, se va bene, forse solo con un po’ più voglia di vivere.
L’altra cosa bella è capitata mentre pagavo la spesa. Il giovanissimo cassiere mi ha offerto gratis l’ultimo numero di Vanity Fair dicendo «diventerà da collezione», e io ho risposto fiera «Grazie, ce l’ho già» e lui allora mi ha guardata e ha detto «Dal vivo è più giovane». La cosa bella è l’orgoglio per il mio giornale, cosa avete capito?
La cosa triste invece è successa all’uscita: il vigilantes che regola la coda e che ho rigraziato per il suo lavoro mi ha detto: «Signora Bignardi, lo scriva: ho visto di tutto in queste settimane ma la peggiore è come trattano i vecchietti: non li lasciano passare, gli dicono in modo sgarbato che loro a casa hanno i figli, va bene tutto, ognuno ha i suoi problemi, ma un po’ di gentilezza non costa niente». Ora che ci penso la cosa che mi ha detto quel vigilantes è molto triste, e vera, perché in queste settimane la condizione delle persone più fragili, degli anziani, dei malati, delle persone sole, è la più drammatica, ma è bello che quell’uomo con la mascherina, vestito pesante e sfinito sotto al sole, pensasse ai vecchietti invece di lamentarsi del suo pericoloso e faticosissimo lavoro.