Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2020  gennaio 14 Martedì calendario


La lite tra Gabriele e Silvio Muccino è finita

I fratelli Muccino hanno fatto pace. Le vicende giudiziarie sono terminate il 14 gennaio 2020 nella prima prima udienza del processo nato dalla querela per diffamazione del regista Gabriele nei confronti di Silvio, imputato. Gli avvocati hanno comunicato al giudice che le parti sono arrivate a un accordo. La querela è stata quindi ritirata e il giudice ha dichiarato il procedimento chiuso.

LA STORIA DELLA LITE TRA GABRIELE E SILVIO MUCCINO Al processo si era arrivati dopo le parole di Silvio, del 3 aprile 2016, che nel corso di una trasmissione televisiva accusò il fratello, che non era presente in studio, di avere aggredito la moglie Elena Majoni nel 2012. «Gabriele è una persona violenta – aveva sostanzialmente detto Muccino jr – ha colpito sua moglie con uno schiaffo perforandole il timpano». Parole che avevano portato il regista a presentare una querela per diffamazione. «Il mio assistito ha deciso di ritirare la querela – ha detto Longari, il legale del regista – Si è comportato da fratello maggiore chiudendo una vicenda che lo aveva molto ferito». Dal canto suo, il difensore di Silvio Muccino, l’avvocato Michele Montesoro ha affermato che «la lite tra fratelli è stata composta: adesso potranno continuare la loro professione senza dover comparire in tribunale».