Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2020  gennaio 14 Martedì calendario


SOGNO O SON-DAGGIO - LA LEGA E’ STABILE AL 32,9% AVANZA IL PD CHE SALE AL 18,4% - SI ARRESTA LA CORSA DI FRATELLI D’ITALIA (10,4%) - IL MOVIMENTO CINQUESTELLE E’ AL 15,2% - FORZA ITALIA AL 5,5% - “ITALIA VIVA” DI RENZI VIVACCHIA AL 4,8% - “AZIONE” DI CALENDA AL 2,9%, “LIBERI E UGUALI” AL 3,1%... -

Sarà forse per la ribalta legata alle elezioni regionali, con il Pd in prima linea contro la coalizione guidata da Matteo Salvini (in particolare in Emilia-Romagna).  Di sicuro è il Partito democratico di Nicola Zingaretti il principale protagonista del sondaggio settimanale di Swg per La7. I dem, in ritiro in queste ore nell'abbazia di Contigliano (vicino a Rieti) - non senza divisioni - registrano un balzo di quasi un punto e mezzo rispetto alla rilevazione di tre settimane fa, prima della pausa natalizia. Passano dal 17 al 18,4 per cento. Insomma, appena sotto il risultato delle politiche 2018, nonostante la scissione di Renzi.

E la Lega? Il partito di Salvini resta fermo al livello del 23 dicembre: al 32,9 per cento. Sempre al primo posto. Si arresta invece l'ascesa continua - nella coalizione di destra - di Giorgia Meloni. Fratelli d'Italia scende dal 10,5 al 10,4 per cento. Sul fronte giallorosso, battuta d'arresto per i Cinquestelle - sempre alle prese con il loro travaglio interno: un calo di mezzo punto percentuale. Il Movimento scende dal 15,7 a 15,2 per cento.

Italia Viva di Renzi sale di un decimale, dal 4,7 al 4,8 per cento, comunque sotto la soglia di sbarramento virtuale del 5 per cento prevista dal progetto del Germanicum, in discussione in commissione Affari costituzionali alla Camera. Per quanto riguarda una possibile coalizione di centrosinistra, giù Leu: dal 3,7 al 3,1 per cento. Come Azione di Calenda, dal 3,3 al 2,9 per cento.

A destra invece sale Forza Italia, al 5,8 dal 5,5. Stabile Cambiamo di Toti all'1 per cento. Sommando queste due ultime forze politiche a Lega e Fdi, si scopre che la coalizione di destra è oltre il 50 per cento.