Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2020  gennaio 13 Lunedì calendario


Per la neve gli hangar anti scioglimento

Quali sono le alternative ai fiocchi naturali e alla neve che «fiocca» dai cannoni? Sono, essenzialmente, tre: c’è lo snowfarming, che prevede di stoccare la neve caduta o prodotta, in piccoli o grandi hangar. Quando serve la si preleva e la si spalma letteralmente sulle piste. Funziona per brevi tratti o per eventi ad hoc, come accade in agosto a Livigno dove, da anni in estate, si allestisce un tracciato per lo sci di fondo nel centro del paese. Impossibile pensare a questa pratica su larga scala. 
Va, invece, sottocoperta, la neve del ghiacciaio del Presena, nel gruppo dell’Adamello: qui dal 2008, alcun teli geotessili riparano dal sole estivo il manto nevoso che così si preserva, anche di 2-3 metri, rispetto al tipico scioglimento estivo. Anche questa è un’operazione costosa, valida forse più per fini scientifici che turistici. 
E allora? Non ci resta che partire per Dubai con il suo ski dome nel cuore del centro commerciale Mall of the Emirates: pinguini (finti) all’arrivo, raclette (vera e fumante) svizzera servita a bordo pista, skipass a 51 euro. Cancellato il progetto italiano di uno ski dome nel centro commerciale di Arese, gli impianti indoor sono, però, diffusi in Europa: si può scegliere la Snow arena lituana di Druskininkai, la francese Amneville, o Landgraaf nei Paesi Bassi, per citare gli impianti utilizzati, talvolta in allenamento, anche dagli azzurri della nazionale. Qui di artificiale, oltre alla neve ci sono anche il cielo ed il freddo, ma l’emozione però può essere autentica. 
In extremis c’è l’ipotesi, decisamente poco allettante, dello sci d’erba che, se non altro, può essere praticato sia in estate sia in inverno. In un video diffuso in rete e diventato virale tra gli appassionati della discesa, due esperti di sci alpino hanno dato prova della fattibilità di svolgere sport invernali anche in assenza della neve. Una soluzione pratica, vicina all’ambiente, anche se certamente non affascinante come la neve, naturale o artificiale che sia.