Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2020  gennaio 12 Domenica calendario


Un raro Mantegna all’asta

Le vendite di New York a fine gennaio sono un appuntamento irrinunciabile per gli appassionati di disegni antichi, un mercato per collezionisti molto esigenti, con aggiudicazioni milionarie. Sotheby’s, per l’asta del 29 gennaio, propone alcune eccellenze: una Madonna con Bambino del Pinturicchio (400-600 mila dollari), un formidabile Ritratto di giovane a colori di Annibale Carracci (400-600 mila dollari) e, soprattutto, l’unico disegno preparatorio esistente realizzato da Mantegna per i suoi celeberrimi Trionfi conservati a Hampton Court (la stima a richiesta nasconde una valutazione vicina ai 10 milioni di dollari). Già esposto nelle recenti mostre di Londra e Berlino, il disegno deve la sua (ineccepibile) autografia alle ricerche portate a termine da Cristiana Romalli, a capo del dipartimento Old Master Drawings di Sotheby’s. Sfruttando una diversa gamma di infrarossi filtrati ed elaborati, sono così apparsi alcuni cambiamenti eseguiti dall’artista in fase preparatoria. Sinora sfuggiti alle altre indagini (si tratta di uno dei soli 20 disegni noti del maestro) questi pentimenti mostrano una differente composizione del Trionfo di Cesare ad Alessandria. Il disegno riprende una monumentale sfilata di trofei, tra cui anche la ricostruzione del Faro di Alessandria, scortata da cavalli e soldati romani. Rispetto alla tela il disegno è saldamente ancorato alla storia dell’Antica Roma, con abiti e armature coeve, mentre gli abiti della versione pittorica sono contemporanei alla corte dei Gonzaga.