Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2020  gennaio 11 Sabato calendario


Quanti sono i fumatori in Italia

I fumatori in Italia sono passati dai 12.570.000 del 2005 agli 11.600.000 dello scorso anno. Una diminuzione di circa un milione dovuta soprattutto al divieto di fumo nei locali pubblici chiusi, introdotto nel gennaio 2005 attraverso la cosiddetta «Legge Sirchia», dal nome del ministro della Salute che la propose. Da allora a oggi è cresciuta anche la consapevolezza rispetto ai danni dell’uso del tabacco, come mostrano le richieste di aiuto al «Telefono Verde» che, in questi 15 anni, si sono quintuplicate. A fare il punto della strada percorsa è l’Istituto Superiore di Sanità.
Tra i principali effetti ottenuti dalla legge antifumo nel corso degli anni – sottolinea l’Iss – vi è sicuramente quello di aver sensibilizzato la popolazione nei confronti dei danni provocati dal fumo passivo. Oggi, il rispetto del divieto di fumo nei luoghi chiusi è un comportamento adottato in tutta Italia.