Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2019  dicembre 06 Venerdì calendario


Gli israeliani senza burro, lo yogurt rende di più

In Israele il blocco dei prezzi del burro ha determinato il calo della produzione e gli israeliani ripiegano sugli yogurt. I panetti latitano sugli scaffali dei negozi. Oggi è diventato davvero difficile trovare un panetto di burro al supermercato o in un negozio di alimentari a Gerusalemme come a Tel Aviv. Chi riesce a comprarlo è come se avesse vinto la lotteria. I rifornimenti sono lasciati in balia della sorte e i panetti spariscono appena vengono esposti. Alcuni negozi preferiscono razionarli, limitando l’acquisto a 200 grammi di burro per cliente. La carenza di burro da temporanea, com’era inizialmente, è diventata poi, nel corso dei mesi, ormai cronica oggi, secondo quanto ha riportato Le Figaro.Il fenomeno è collegato a una pluralità di fattori: il calo della produzione locale, la diminuzione delle importazioni e l’aumento dei consumi a scapito della margarina, prodotto considerato di bassa qualità. Alcuni specialisti vi vedono una conseguenza del controllo dei prezzi e della posizione dominante sul mercato dello storico gruppo Tnuva, cooperativa che raggruppa persone dei kibbutz (kibbutzim) e dei mochavim di Israele (villaggi formati da aziende familiari riunite in cooperativa). Pretendono che i fornitori di prodotti lattieri ignorino la richiesta di burro con l’obiettivo di protestare contro il controllo dei prezzi dal momento che è proprio a causa di questo blocco dei prezzi che, dicono, subiscono perdite finanziarie. Questi produttori preferiscono utilizzare il latte per produrre yogurt perché i prezzi di questo alimento non sono bloccati dal governo.
Sebbene Tnuva, che controlla il 50% del mercato lattiero-caseario, abbia aumentato la propria produzione di burro del 28%, non ha risposto alla domanda complessiva. Il gruppo agroalimentare dovrà fare un altro sforzo supplementare in una terra, che secondo la Bibbia, va avanti con latte e miele.