Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2019  novembre 08 Venerdì calendario


Il 2020 sarà l’anno di Beethoven

Il mondo della musica celebrerà nel 2020, in maniera solenne, da Parigi ( con tre sinfonie integrali) a Vienna (dove ci sarà Andris Nelsons) Beethoven in occasione dei 250 anni dalla nascita del compositore tedesco.Il 2020 sarà proprio l’anno di Beethoven (1770-1827). Il compositore sarà ricordato con un ricco calendario di eventi e la sua opera verrà interpretata a tutto tondo, persino proprosto in chiave electro, oltre che ecologica, raga, e anche il Beethoven organista. Il 23 novembre, alla Citè de la musique Philarmonie di Parigi verrà eseguita la versione live della 10° sinfonia di Beethoven arrangiata in chiave electro dal padre di questo stile musicale, il francese Pierre Henry, che la realizzò alla fine degli anni Ottanta. Una ricomposizione a partire da frammenti incollati, mixati e remixati che hanno originato una nuova sinfonia firmata da Henry. La versione live verrà riproposta in occasione del 250° anniversario del musicista tedesco per tre orchestre e coro sarà diffusa da Radio France.
L’agenda dei concerti per celebrare l’anno di Beethoven prevede le 32 sonate eseguite da Daniel Barenboïm a la Philarmonie di Parigi Cité de la musique dal 19 al 21 gennaio 2020; le quatuors (9-19 gennaio); le sinfonie eseguite da Nèzet Sèguin con la Chamer Orchestra Europe (24-26 aprile); Fidelio in concerto eseguito da Simone Young e l’Orchestra di Parigi (27-29 maggio); sinfonia eseguita da Jordi Savall e il concerto delle Nazioni (2 giugno); Beethoven interpretato da Riccardo Chailly (dal 27 gennaio al 1° febbraio).
Sempre a Parigi, Beethoven sarà celebrato anche al teatro des Champs-Elysés con il concerto di François-Frédéric Guy e l’orchestra da camera di Parigi, il 18 gennaio; le sinfonie eseguite da Andris Nelson e con la Filarmionica di Vienna dal 25 al 29 febbraio. Inoltre, alla maison de la radio sono in programma le 32 sonate eseguite da François-Frédéric Guy dal 20 al 22 marzo e Ateliers «Les samedis en chantant» intorno alla 9° dal 14 dicembre al 14 marzo, secondo quanto ha riportato Le Figaro.
C’è anche il Beethoven da leggere: quattro anni dopo la pubblicazione dei quaderni di conversazione di Beethoven, un tuffo nella quotidianità e nelle riflessioni del compositore colpito dalla sordità, Buchet-Chastel ha pubblicato una nuova antologia di estratti dei suoi quaderni e delle sue lettere che è uscita ieri.
Inoltre, gli amanti dei dischi potranno trovare un imperiale cofanetto con l’opera integrale in 80 cd che propone dalle sinfonie ai concerti eseguiti da Schiff, Menuhin, Yo-Yo Ma e Barenboïm passando dalle sonate secondo Kovacevich o il Fidelio di Klemerer. L’uscita sul mercato è prevista per il 29 novembre con l’etichetta Warner Classics.