Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2019  novembre 07 Giovedì calendario


Dna modificato contro il cancro: i primi risultati sono positivi

Sembra funzionare l’editing del Dna contro il cancro. La tecnica, nota come Crispr, è volta a rafforzare il sistema immunitario, rendendone più efficace la risposta al tumore. Un primo esperimento, su tre pazienti, sta dando risultati positivi, che saranno presentati dai ricercatori dell’università della Pennsylvania al prossimo meeting della American Society of Hematology. Due dei tre pazienti, spiega il New York Times, avevano un mieloma multiplo, un tumore del sangue, mentre l’altro un sarcoma, tutti in stadio avanzato.

CELLULE MODIFICATE PER RAFFORZARE LA RISPOSTA AL TUMORE I ricercatori hanno estratto le cellule T del sistema immunitario dai soggetti e le hanno trattate con il Crispr per ‘spegnere’ tre geni e rendere la risposta al tumore più aggressiva. Un’altra modifica del Dna, fatta invece in maniera tradizionale, ha indirizzato le cellule verso quelle tumorali. Ai tre pazienti sono state poi infuse 100 milioni di queste cellule modificate, e il follow up più lungo è arrivato a sei mesi.

Le cellule si stanno comportando come speriamo, e non abbiamo visto effetti collaterali significativi

Edward Stadtmauer, ricercatore «La buona notizia», spiega Edward Stadtmauer, l’autore principale della ricerca, «è che i pazienti sono ancora vivi. Finora la migliore risposta che abbiamo visto è che le malattie si sono stabilizzate. Le cellule si stanno comportando come speriamo e non abbiamo visto effetti collaterali significativi».

È ancora molto presto, ma sono risultati estremamente incoraggianti

Aaron Gerds, Cleveland Clinic Contattato dalla Associated Press, un esperto indipendente, Aaron Gerds della Cleveland Clinic, ha spiegato: «È ancora molto presto, ma sono risultati estremamente incoraggianti». Lo studio è sponsorizzato dall’Università della Pennsylvania, dal Parker Institute for Cancer Immunotherapy di San Francisco e da una società di biotecnologie, Tmunity Therapeutics. Numerosi leader dello studio e l’università hanno una partecipazione finanziaria nella società e possono beneficiare di brevetti e licenze sulla tecnologia.