Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2019  novembre 07 Giovedì calendario


È tempo che la Gioconda se ne vada

Jason Farago, famoso critico d’arte del New York Times, ha scritto un articolo piuttosto duro per ridimensionare l’importanza attribuita alla Gioconda di Leonardo spiegando come la sua presenza al Louvre di Parigi stia danneggiando il Louvre stesso.

Il 2019 è l’anno del cinquecentenario dalla morte di Leonardo, ed è per questo che in tutto il mondo sono in corso mostre e celebrazioni e che molti giornali se ne stanno occupando. Qualche tempo fa anche l’Economist provò a mettere in prospettiva alcuni aspetti dell’opera di Leonardo, considerando ciò che effettivamente fece, il mistero legato alle sue opere non finite e la sua biografia, tutte cose che, messe insieme, diceva l’Economist, lo hanno reso oggi un personaggio leggendario, anche oltre il valore di ciò che effettivamente realizzò nella sua vita. Farago, sul New York Times, è andato oltre: «È tempo che il Louvre ammetta la sconfitta. È tempo che la Gioconda se ne vada».

Il Louvre ospita la più grande collezione d’arte di tutta Europa, «all’interno di un palazzo che è un capolavoro a sé stante». In un certo senso è il museo più popolare al mondo, nel 2018 ha avuto 10 milioni di visitatori, tre quarti dei quali erano turisti stranieri: un record, il 25 per cento in più rispetto all’anno precedente e più del triplo delle presenze che ci sono state al Centre Pompidou o al Musée d’Orsay, altri due importanti musei di Parigi. «Eppure il Louvre è tenuto in ostaggio dalla Kim Kardashian della ritrattistica italiana del XVI secolo: la bella ma solo moderatamente interessante Lisa Gherardini, meglio conosciuta (dal nome di suo marito) come la Gioconda, la cui fama eclissa così tanto la sua importanza che nessuno nemmeno ricorda più come all’inizio divenne famosa». Circa l’80 per cento dei visitatori del museo, secondo i dati del Louvre, viene proprio per la Gioconda, e la maggior parte di loro se ne va poco soddisfatta: «Nel 20esimo secolo si limitava a essere famosa, ma adesso, nell’era del turismo di massa e del narcisismo digitale, è diventata un buco nero di anti-arte che ha ribaltato il museo», scrive il New York Times.

La Gioconda, Louvre, Parigi, 23 ottobre 2019 (AP Photo/Thibault Camus)

L’estate scorsa, per consentire i lavori di ammodernamento della Salle des États dove la Gioconda era esposta in una teca antiproiettile dal 2005, l’opera era stata spostata nella vicina Galerie Médicis trasformando la collezione fiamminga di quell’ala «in carta da parati» e creando diversi problemi: alla nuova esposizione si poteva accedere attraverso un’unica porta e il Louvre era stato costretto a organizzare una sorta di numero chiuso e letteralmente a chiudere per più giorni per il tutto esaurito, lasciando fuori centinaia di persone. «Ora la Gioconda è tornata al suo posto, su una parete autoportante che è stata ridipinta di un blu prussiano, certamente chic». Resta il fatto che per vederla c’è un percorso obbligato da fare, in coda, che il sovraffollamento persiste e che il quadro, un olio di 77 centimetri per 53, si può vedere da circa 3 metri e mezzo di distanza: troppo lontano per poterla davvero guardare e troppo lontano anche per un buon selfie, commenta il New York Times. E tutto questo, prosegue, per un dipinto «che non è certo il più interessante di Leonardo, e che ha soffocato i capolavori veneziani nella Salle des États, come “Donna allo specchio” di Tiziano o “Nozze di Cana” di Veronese”, che Beyoncé è stata abbastanza intelligente da non trascurare» (in un recente video girato al Louvre, ndr). Il museo in qualche modo ammette il problema e infatti nella Salle des États ci sono delle indicazioni che dicono che la Gioconda è circondata da altri capolavori e suggeriscono di dare un’occhiata alla stanza.

Jean-Luc Martinez, direttore del museo, ha detto che il Louvre potrebbe fare anche altre cose per spostare l’attenzione dalla Gioconda alle altre opere: nuovi ingressi, biglietti a tempo. Ma questo, secondo il New York Times, non risolverebbe il problema: il Louvre è enorme e non ha, in generale, problemi di sovraffollamento: «Ha un problema con la Gioconda», e se il numero di turisti continua ad aumentare, se i 10 milioni di visitatori dell’anno scorso diventeranno gli 11 o 12 previsti per il prossimo anno, «il museo scoppierà».

Persone in coda al Louvre, Parigi, 29 maggio 2019 (AP Photo/Thibault Camus)

Il New York Times dà anche dei suggerimenti alla direzione del Louvre: la Gioconda, dice, «ha bisogno del suo spazio. Costruisci un padiglione solo per lei», magari al giardino delle Tuileries, collegato al museo principale tramite il centro commerciale sotterraneo (il Carrousel du Louvre) e «vendi un biglietto unico per entrambe le sedi. Crea postazioni selfie di prima qualità e fai conoscere ai visitatori più curiosi la misteriosa Gioconda con mostre supplementari». E ancora: «Fallo in tempo per le Olimpiadi estive del 2024. Lascia che Kylian Mbappé (un calciatore francese, ndr) lo inauguri, magari con Carla Bruni a fianco. Vendi macarons». Questo padiglione, scrive ancora Jason Farago, dovrà essere grande, «ma non riesco a concepire un progetto di raccolta fondi più semplice. Il padiglione Mona Lisa diventerebbe immediatamente l’attrazione più popolare nella destinazione turistica più popolare sulla faccia della terra. Sicuramente, dopo aver speso più di un miliardo di dollari per lanciare il Louvre Abu Dhabi, i potenti degli Emirati Arabi Uniti sarebbero lieti di finanziare la nuova struttura».

La Gioconda, prosegue il critico del New York Times, è diventata più una reliquia sacra che un’opera d’arte, come lo è il mantello di Nostra Signora di Guadalupe a Città del Messico, venerato da milioni di pellegrini ogni anno che, per vederlo, ci passano davanti su tre tapis roulant. «Il nuovo padiglione parigino, come la basilica messicana, sarebbe un luogo di pellegrinaggio (…). Lascia che Samsung o un’altra azienda di tecnologica installi telecamere ad alta risoluzione intorno alla Gioconda. Lascia che i visitatori si mettano in posa sulle passerelle e poi scarichino i loro migliori selfie con il Leonardo sottovetro. Forse, in cambio di ulteriori diritti sul nome, Jeff Koons potrebbe avere un chiosco di borsette all’uscita del padiglione Sheikh Zayed-Louis Vuitton Mona Lisa».

La Gioconda, conclude il New York Times, «è un pericolo per la sicurezza, un ostacolo educativo (…) Nessuna opera d’arte dovrebbe rendere le persone infelici. Lasciate che milioni di futuri visitatori di Parigi si godano l’arte, lo shopping, i dolci e i selfie al padigione Sheikh Zayed-Louis Vuitton-Samsung Galaxy-Ladurée Macarons Mona Lisa. Quindi lasciate che riscoprano il Louvre come museo».