Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2019  novembre 07 Giovedì calendario


Il nuovo slogan elettorale di Trump

«He’s no Mr. Nice guy», non è un tipo simpatico, cordiale (seguito dall’affermazione che proprio grazie a questo può rompere i meccanismi perversi di Washington) è il nuovo slogan che la campagna di Donald Trump ha aggiunto alla sua strategia elettorale. Uno slogan che racchiude una grossa scommessa: trasformare una sua debolezza – i modi rudi, lo scarso rispetto delle regole, i giudizi sprezzanti, l’assenza di empatia, tutte cose che irritano anche molti suoi elettori – in un elemento positivo: può non piacere, ma per demolire la vecchia politica serve un bulldozer come lui. Discutibile la sostanza dell’affermazione e il suo aspetto etico, ma lo slogan è efficace. Del resto la scuderia Trump ne ha sfoderati già diversi che funzionano, a differenza dei democratici, incapaci di colpire la fantasia degli elettori dopo i celebri «Yes we can» e «Change you can believe in» (un cambiamento nel quale si può credere) della campagna di Obama nel 2008. Allora John McCain lo contrastò con un pallido «Reform, prosperity and peace», mentre Hillary Clinton provò a fermarlo nelle primarie col suo «Ready for change, ready to lead» (pronti a cambiare e a governare). Nel 2012 Mitt Romney affondò col suo pallido «Restore our future», ridiamoci un futuro. Poi, nel 2016, l’uragano Trump che ha travolto prima gli avversari repubblicani, poi Hillary col suo «Make America Great Again», ormai entrato nel linguaggio comune al punto di essere citato col suo acronimo, Maga. Patetico ripensare oggi agli slogan degli avversari repubblicani: il Jeb Bush di «Slow and steady wins the race» (una sorta di chi va piano va sano e va lontano) venne spazzato via proprio giocando sulla lentezza: il «low energy» che gli scagliò contro Trump. Che oggi, mentre in casa democratica non c’è ancora nulla di significativo (gli slogan migliori erano quelli di Beto O’Rourke e Bill de Blasio, già usciti di scena), moltiplica i messaggi con varianti («Make our farmers great again», la versione per i contadini) e con cantilene come «Build the wall and crime will fall», alza il muro e calerà il crimine.