Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2019  ottobre 10 Giovedì calendario


La scarsità di dollari penalizza il Libano

La banca centrale del Libano, dopo aver razionato l’erogazione della valuta americana (il massimo del prelievo giornaliero è di mille dollari), si è impegnata, a ottobre, ad assicurare l’emissione di dollari alle banche al tasso di cambio ufficiale per finanziare gli importatori di grano, farmaci e benzina, purché questi offrano garanzie sotto forma di anticipi. Il Libano, che conta un debito pubblico tra i più elevati del mondo (157% del pil), dipende dalle importazioni per i suoi consumi interni. Gli anticipi richiesti agli importatori, però, aumentano i costi e il prezzo finale delle merci, fattori che scoraggiano le importazioni e generano carenze. Gli importatori sono obbligati ad acquistare dollari sul mercato nero dove li pagano all’incirca il 10% in più rispetto al tasso di cambio ufficiale e dunque, dovendo sopportare costi maggiori importano meno, ha riportato Le Figaro. Lo stock di farina è dimezzato nel Paese in poco meno di due mesi.Dunque, il risultato della penuria della moneta Usa mette a rischio le importazioni di farina, farmaci e benzina perché vengono a costare di più. La rarefazione della valuta americana è in atto da settimane senza che il governo abbia dato spiegazioni in merito e la questione sta provocando un certo panico. È come se i libanesi avessero scoperto di colpo di non poter più accedere ai propri soldi. Il dollaro è stato utilizzato in maniera intercambiabile con la moneta locale, la lira libanese, a partire dalla guerra civile. L’esistenza di due tassi di cambio paralleli sta diventando permanente (il tasso di cambio fisso è di 1.507,50 lire libanesi per un dollaro) e la moneta Usa è diventata un’ossessione nazionale. Per compensare le uscite di valuta necessarie alle importazioni, il Libano incoraggia a depositare le monete estere nelle banche locali a tassi mirabolanti, fino al 15%, ma l’afflusso di capitali si è progressivamente esaurito. Ecco come la banca centrale finanzia il debito pubblico e il deficit della bilancia delle spese correnti pari a 16,4 mld di dollari, il 28% del pil). Il settore bancario sostiene che i depositi in valuta estera sono sicuri, e denuncia una crisi «artificiale» che invece sta paralizzando il Libano che nel 2018 ha registrato una crescita dell’1,3% del pil dopo lo 0,25% nel 2018 secondo i dati dell’Fmi.