Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2019  ottobre 09 Mercoledì calendario


Diritto & Rovescio

Siamo alla frutta. Ormai chiedono i riscatti anche per la restituzione di un telefonino rubato con destrezza alla Stazione centrale di Milano. La vittima, un italiano di settant’anni, è stato derubato da un 25enne afghano in combutta con una 44enne italiana. La vittima si trovava in coda presso i gabinetti (a pagamento) della Stazione centrale quando è stato urtato da un uomo che, approfittando della sorpresa, gli ha sottratto il cellulare dal taschino della camicia e poi se l’è data a gambe, lasciando subito perdere le tracce. Il derubato, usando il cellulare del figlio che lo accompagnava, chiama il suo smartphone. Gli risponde il ladro che lo invita a tornare alla toilette dove, in cambio di una somma di denaro, gli avrebbe restituito il telefonino. Ma qui il ladro ha trovato i poliziotti che lo hanno arrestato in flagranza per tentata estorsione. Pare che il ladro si sia lamentato dicendo: «Qui in Italia non puoi fare una buona azione che ti puniscono subito».