Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2019  giugno 25 Martedì calendario


Biografia di Judith Krantz

Judith Krantz (1928-2019). Scrittrice statunitense. Con 85 milioni di copie vendute e tradotte in più di 50 lingue fu consacrata, negli anni Ottanta e Novanta, regina indiscussa del romanzo rosa. «Il primo della serie, intitolato Scrupoli, la Krantz lo scrisse a 50 anni, dopo una carriera di giornalista in diverse riviste femminili, tra cui Cosmopolitan e Ladies Home Journal. Determinante per la Krantz - nata Judith Bluma Tarcher nel 1928 a New York, da padre agente pubblicitario e madre avvocato - fu l’incontro con il produttore televisivo Stephen Krantz, sposato nel 1954. Fu lui ad incoraggiarla nella scrittura di romanzi che poi lui stesso ha adattato per il piccolo schermo. Sesso e shopping, questo il connubio vincente della sua produzione letteraria, ispirata direttamente alla sua esperienza personale. Principessa Daisy, la Figlia di Mistral, I gioielli di Tessa Kent sono alcuni dei titoli sfornati dalla regina internazionale della lettura rosa, alcune pagine sono molto spinte. Giovani, bellissime, in carriera, con armadi colmi di capi di abbigliamento lussuosi, sessualmente decise e in cerca di uomini che soddisfino le proprie pulsioni: è questo l’identikit delle protagoniste dei romanzi firmati dalla Krantz, che raccontano la vita quotidiana, pubblica e intima, del jet set statunitense, con scene di sesso piccanti e dettagliatissime. Le sue memorie, intitolate Sesso e Shopping: le Confessioni di una Bella Ragazza Ebrea, sono state pubblicate nel 2001: «“Dal mio punto di vista, ci sono due cose che interesseranno sempre le donne: il sesso e lo shopping. E se non gli interessano, si perderanno una buona parte del divertimento nella vita”» [Agi].