Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2019  gennaio 27 Domenica calendario


Per non dimenticare il ticchettio delle Olivetti

Dalla sua nascita, nel 2013, continua ad arricchirsi, senza i problemi di spazio che avrebbe qualsiasi museo reale. Parliamo di Conserve the sound (www.chunderksen.com), creato a Rüttenscheid, vicino a Essen, nel cuore della Ruhr, la più famosa zona industriale d’Europa: è un museo online in cui si ospitano i suoni scomparsi, o quelli che stanno per sparire. Jan Derksen e Daniel Chun sono partiti da un centinaio di “campioni” ma, nella logica tipica del web, sono aperti a suggerimenti dei visitatori virtuali. 
Non si tratta solo di rumori antichi, almeno per i Millennial, come il ticchettio di una Valentina, la più famosa delle macchine da scrivere Olivetti, capolavoro di design, oltre che di efficienza tipografica. O come il fruscio della puntina di un giradischi quando si posava su un disco a 33 giri. Daniel Chun ha salvato il suono dei tasti di un cellulare Nokia, visto che oggi i numeri si compongono sfiorando lo schermo. Il museo fu aperto grazie all’intervento della Film und Medien Stiftung, la fondazione dei media, della Nord Renania Westfalia. «Potremmo chiedere soldi a qualche sponsor, ad aziende che tolgono dalla produzione qualche macchinario, ma vorremmo mantenere il museo un luogo “integro” e soprattutto gratuito», aveva spiegato Jan Derksen dopo l’inaugurazione.