Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2018  marzo 13 Martedì calendario


Diritto & Rovescio

In Italia c’è un sacco di persone che parla di posti di lavoro ma sono molti meno coloro che li creano a loro rischio e pericolo, lanciandosi nella rischiosa avventura di creare nuova ricchezza per tutti. Ad esempio, un semplice procuratore, sulla base di accuse poi dimostratesi completamente infondate, e nell’indifferenza di tutti, anzi con l’entusiasmo dei manettari che sono potentissimi nei media, ha distrutto i 2.500 posti di lavoro della società quotata Acqua marcia (vedi ItaliaOggi di sabato scorso). Oggi invece parliamo, per fortuna, della società farmaceutica Menarini, di Firenze, che ha assunto la sua 17millesima dipendente. Si chiama Lara, ha 28 anni, ha studiato Chimica e tecnologie farmaceutiche all’Università di Firenze e lavora nei laboratori di ricerca della società. Negli ultimi due anni, la Menarini ha assunto circa 300 dipendenti quasi tutti nella sede di Firenze. Hanno in media 29 anni e sono tutti laureati o diplomati tecnici. Il gruppo opera in 136 paesi nel mondo e fattura 3,6 miliardi di euro. Insomma, chapeau!