Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2018  marzo 13 Martedì calendario


La cambiale di Padoan: ​in arrivo aumenti Iva per mille euro all’anno

Un conto da mille euro a famiglia in rincari che colpiranno quasi tutti i beni di consumo e i servizi. 
Tutti lo sanno, ma pochi lo dicono apertamente. Nei prossimi mesi un ipotetico governo dovrà mettere da parte le promesse elettorali per cimentarsi su un unico compito. Difficilissimo. Trovare circa 31 miliardi di euro per evitare l’aumento dell’Iva nel 2019 e nel 2020. Impegno poco gratificante in termini di consenso, visto che si tratta di evitare un danno del passato. Cambiali firmate dal governo Gentiloni, lasciate in eredità agli esecutivi futuri durante la scorsa legislatura e che oggi, né il premier né il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, sembrano volere saldare.
Sono le famose clausole di salvaguardia su coperture incerte che si trascinano dal 2011 e che fino al 2018 sono state evitate. Non nel 2019. Dal prossimo anno l’aliquota Iva ordinaria dovrebbe aumentare dal 23% al 24,2%. Quella agevolata dal 10% all’11,5%. Tradotto, aumenti per la maggior parte dei beni di consumo, dall’abbigliamento agli alimentari.
Ieri, non a caso, associazioni dei commercianti, dei produttori e dei consumatori hanno lanciato l’allarme aumenti. Confesercenti ha condotto una simulazione dalla quale emerge che lo scatto dell’imposta farà perdere 23 miliardi di euro in tre anni, circa 885 euro a famiglia. Il Codacons calcola fino a mille euro all’anno per ogni nucleo. Massimiliano Dona, presidente dell’Unione nazionale consumatori ricorda come gli aumenti colpirebbero «chi arriva a fine mese con difficoltà».
Una stangata sulle famiglie, con un’immediata ripercussione sul Pil. L’economia, secondo l’associazione dei commercianti, subirebbe una riduzione dell’1,2 punti tra il 2019 ed il 2021. Coldiretti sottolinea come gli aumenti colpirebbero i generi alimentari, come carne, pesce, yogurt, uova, riso, miele e zucchero «con effetti drammatici sui redditi delle famiglie più bisognose».
Scende in campo anche Confcommercio. Per la principale associazione del commercio, invece di «oscuri, forse improbabili, tagli di imposta, è necessario evitare gli aumenti dell’Iva». Il messaggio di Mariano Bella, direttore dell’Ufficio studi, è che i soldi dell’aumento non sono un «tesoretto da 12,5 miliardi» a disposizione, ma «risorse dei cittadini». Da non sottrarre.
Tutto questo pressing per chiedere al Parlamento, diviso e nel mezzo di un inizio legislatura più che caotico, una «scelta condivisa», cioè un impegno di tutti i partiti per bloccare gli aumenti. Luigi Scordamaglia, presidente di Federalimentare, bolla come «grave e irresponsabile» un’idea che comincia a filtrare tra Roma e Bruxelles. Cioè la possibilità che alla fine nessuno blocchi gli aumenti.
Sospetto più che fondato. La partita è quella del Def, il documento di economia e finanze, che il governo deve approvare entro il 10 aprile. Il ministero dell’Economia, su indicazione della Commissione Ue, ha annunciato che approverà la parte del documento con le previsioni a legislazione vigente. «Non ci saranno da parte del governo uscente ipotesi programmatiche, questo non è il nostro compito», ha ribadito ieri Padoan. Quindi niente impegni per il futuro. Nemmeno il rinvio dell’aumento dell’Iva. Una «non scelta» che equivale a scegliere, a favore di una stangata miliardaria sui consumi. Uno scenario che non dispiace a Bruxelles, ma che rischia di costare carissimo alle famiglie.