Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  novembre 29 Mercoledì calendario


Il piano per l’Africa

Piano Marshall Africa, ecco il testo dell’intesa con l’Ue
Pronta la dichiarazione finale del summit in Costa d’Avorio: progetti comuni su migrazioni, crescita e lotta al terrore
vincenzo nigro,
Dal nostro inviato
ABIDJAN
Si tiene in Costa d’Avorio il V summit Ue- Unione africana, il primo nell’Africa sub-sahariana. Ha un titolo evocativo “Investire sui giovani per una crescita inclusiva”, ma per i leader europei arrivati ad Abidjan lo scopo profondo è fare di tutto e meglio per sostenere lo sviluppo dell’Africa, in modo da rallentare i flussi di migrazione illegale. Oggi e domani i 28 capi della Ue incontrano i 55 re e presidenti dell’Unione africana, la prima volta che l’organizzazione si presenta come “Ua”, anche con il Marocco che avendo aperto il suo contenzioso con il Polisario nel Sahara occidentale fino a quest’anno non partecipava all’Unione.
Dice Antonio Tajani, presidente dell’Europarlamento: «Chiamiamolo Piano Marshall, magari “piano Europa”, ma il risultato non cambia: dopo 10 anni di politiche non coordinate, di investimenti non coerenti della Ue e dei suoi stati, la Ue deve diventare il motore di un cambiamento profondo nelle condizioni economiche e sociali dell’Africa. Altrimenti non saremo in grado di gestire un afflusso di popolazione africana che metterà in crisi i nostri sistemi politici». I lavori che hanno preparato il vertice e la Dichiarazione finale hanno avuto al centro il tema delle migrazioni, che nel testo concordato da africani ed europei diventano “irregular migrations”. «Investire nei giovani e nelle future generazioni è un pre-requisito per costruire un futuro sostenibile nel continente», dice la Dichiarazione.
Il piano Europa include politiche per la “pace e sicurezza”, la lotta al terrorismo jihadista che dal Sahara si sposta verso l’Europa, ma anche verso l’Africa saheliana, minacciando governi che chiedono l’aiuto europeo. Nel preambolo della Dichiarazione i temi saranno riassunti come «Crescita, investimenti, infrastrutture e capacità», poi c’è il cesto di «Pace e sicurezza» ( «Noi riconosciamo che Africa ed Europa hanno minacce comuni alla sicurezza»). Per terzo il capitolo della «Migrazioni e mobilità» : si propone di lavorare alle «migrazioni irregolari» in maniera da trasformarle «in una maniera sicura, ordinata e regolare, da affrontare all’interno di un dialogo continentale».
I capitoli seguenti sono quelli della «Governance», del «cambiamento climatico e risorse naturali», con una modifica strutturale alle relazioni fra le due Unioni: «Chiediamo all’Unione Africana e alla Ue di stabilire un meccanismo di follow-up verificare i progressi dei progetti comuni prioritari». Al summit di Abidjan da lunedì c’è il vice-ministro degli Esteri Mario Giro, delegato all’Africa. Oggi arriva il premier Paolo Gentiloni.