Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  novembre 28 Martedì calendario


Diritto & Rovescio

Laura Boldrini è imbattibile per far parlar di sé. Meno, molto meno, per risolvere i problemi. Anche quelli che dice che le stanno a cuore. Sabato scorso, ad esempio, ha riunito nell’aula della Camera «ben 1.330 donne vittime di violenza e chi le sostiene». Il comunicato dell’ufficio stampa della Boldrini ha aggiunto, soddisfatto, che «non è mai avvenuto prima». Ma la presidente della Camera, più che organizzare eventi, dovrebbero spingere la Camera a legiferare in modo tale da non ledere gli interessi delle donne quando esse sono vittime della violenza maschile. Ad esempio, lo stalking (che spesso è anche l’anticamera del femminicidio) è stato derubricato nell’agosto scorso e inserito in una lista di reati estinguibili. A Torino c’è già stato un tizio che con 1.500 euro ha estinto il reato. E premiano il femminicidio con lo sconto di pena previsto dal rito abbreviato. Su questi temi la Boldrini dovrebbe impuntarsi. Se ci fosse.