Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  novembre 28 Martedì calendario


«In Italia ci sono troppe tasse». Se ne va pure il leader islamico

Troppi islamici in Italia? Niente paura, ci pensa il nostro sistema fiscale a farli andare via. Come dimostra la storia di Tanji Bouchaib, marocchino e presidente della Federazione Islamica del Veneto, in Italia da vent’anni, costretto a lasciare l’Italia perché da noi si pagano troppe tasse.
Bouchaib al Belpaese deve tutto: gli ha dato un lavoro e due anni fa pure la cittadinanza, qui ha anche potuto far laureare le sue figlie. Eppure se ne andrà, strangolato da una pressione fiscale esagerata e da un elevato costo della vita. Anche perché un buon musulmano le tasse le paga spontaneamente, è un atto di fede per lui. La storia di Bouchaib, raccontata in un’intervista al Corriere Veneto, è emblematica dell’anomalia italiana, dove una famiglia normale come la sua, con due stipendi e un mutuo sulle spalle, fatica ad arrivare a fine mese. Quando è così passano in secondo piano tutte le difficoltà superate per arrivarci, in Italia, e per affermarsi qui da noi. La cosa più intelligente da fare, a questo punto, sembra quella di partire in cerca di un Paese con un fisco meno aggressivo. Bouchaib sta pensando di andare in Qatar, dove si pagano meno tasse e dove già vivono e lavorano le due figlie più grandi. Lavorano lì perché in Italia, dove si sono laureate, non hanno mai trovato nulla di meglio di qualche contrattino a termine. Nulla di definitivo. «L’Italia non è un paese per giovani», dice rassegnato il leader islamico.