Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2013  ottobre 25 Venerdì calendario


Biografia di Franco Ceccuzzi

Montepulciano (Siena) 9 febbraio 1967. Politico. Del Pd. Sindaco di Siena dal 2011 al maggio 2012. Nel 2006 e 2008 eletto alla Camera.
• Diploma scientifico, iscritto alla Fgci nel 1985, durante gli anni dell’università fece parte del movimento della Pantera (non si è mai laureato). A lungo segretario provinciale prima dei Ds poi del Pd.
• Eletto sindaco di Siena al primo turno con il 54,71% dei voti, si dimise in seguito alla bocciatura del bilancio (votarono contro sette consigliere comunali del Pd, tutti di area ex Margherita). I dissidi nella maggioranza nacquero in realtà quando Ceccuzzi scelse i nomi da indicare alla Fondazione Mps per il nuovo Cda della banca, lasciando fuori sia Alfredo Monaci (Pd, ex Margherita, presidente di Biverbanca e candidato in pectore alla vice presidenza del Monte) sia Fabio Borghi, di area Cgil.
• «Testimone di nozze e sostenitore di Giuseppe Mussari prima alla Fondazione Mps e poi alla Banca, ne ha poi preso le distanze per diventare sponsor di Fabrizio Viola e Alessandro Profumo» (Marco Lillo).
• Appoggiato da D’Alema, vinse con l’80% dei voti le primarie del Pd per il candidato sindaco alle Amministrative 2013. Ritirò poi la sua candidatura perché indagato dalla Procura di Salerno per concorso in bancarotta fraudolenta nell’inchiesta sul crac del pastificio Amato (indagini preliminari concluse nel settembre 2013). A Ceccuzzi, così come a Mussari e all’ex presidente della commissione Finanza alla Camera Paolo Del Mese, i magistrati salernitani contestano di aver contribuito al fallimento dell’antico pastificio attraverso la concessione di un finanziamento del Monte Paschi, che sarebbe stato utilizzato per vendere la sede stessa del pastificio a una società della famiglia Amato appena costituita.
• Non ha mai lavorato al Monte Paschi.