Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 1901  gennaio 05 calendario


Trilussa legge le sue poesia a Milano e a Torino

«Il suo nome è Carlo Alberto Salustri, ma ormai chi più se lo rammenta, dirò anzi chi più glielo rammenta? Di un’altezza quasi inverosimile, bruno, dalla folta capigliatura nerissima e dall’occhio vivo, il poeta romanesco ha passato una quindicina di giorni a Milano, e i salotti eleganti se lo sono rubato, per udire dalla sua bocca le sue favole, ed ebbe pubblico numeroso ed applausi nei saloni del Circolo Filologico ed in quello della Permanente; dopo Milano, oggi, ebbe un bellissimo successo all’Alfieri di Torino» [L’Illustrazione italiana 13/1/1901]