Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2012  giugno 03 Domenica calendario


Biografia di Nina Soldano

• Pisa 26 marzo 1963. Attrice. L’Arianna Cirillo de Il giudice Mastrangelo, la Marina Giordano di Un posto al sole, la Luciana Galli di Incantesimo ecc.
• «La giovane, esuberante bellezza mediterranea, scelta tra tantissime da Arbore per interpretare il ruolo di Miss Sud nel varietà Indietro tutta (1987)» (Beppe Cavalere).
• «Ho avuto due maestri eccezionali, Renzo (Arbore, ndr) era più protettivo, uno zio del cuore, Pippo (Baudo, che la volle a Fantastico, ndr) era più distaccato, un papà severo. La Rai per me è stata una mamma affettuosa, mi ha aperto le sue porte subito e mi ha coccolata». Fece il suo primo provino con Enrico Maria Salerno. «Indossavo un abito della Cardinale nel Gattopardo, fu una vera emozione. Mi sembrava di morire, non sentivo più le gambe e il cuore era in gola. Ma Salerno fu talmente abile che riuscì a sbloccarmi. Venni poi ingaggiata per la primissima fiction dal titolo Disperatamente Giulia».
• «Per me la soap è come un figlio che sta crescendo bene. Marina va in décolleté, cucina con i tubini, è truccata anche quando dorme; Nina sta in casa struccata, in tuta e scarpette da ginnastica, ed è poco mondana. In una sola cosa siamo simili: entrambe siamo dirette e se siamo attaccate in qualcosa di personale azzanniamo per difendere i nostri affetti».
• «Credo fortemente nell’angelo custode, anzi, sono convinta che il mio angelo custode in tre momenti particolari della mia vita mi abbia salvata da morte certa e il fatto che io sia ancora qui a parlarne con voi è la prova tangibile che esiste. Prego spesso, il mio è un rito da tantissimi anni ormai. In camerino, per esempio, in un cassetto, ho il rosario che spesso tocco prima di andare in scena» [ad Antonio D’Addio, Miracoli 22/4/2014].
• Ha una relazione con il manager torinese Teo Bordagni, dodici anni più giovane di lei.