Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2012  giugno 03 Domenica calendario


Biografia di Lorenzo Sassoli de’ Bianchi

• Parigi (Francia) 26 novembre 1952 cresciuto a Bologna. Imprenditore. La sua azienda, la Valsoia, è quotata in borsa e il giro d’affari supera i 90 milioni [Corriere di Bologna]. È presidente di MAMbo (Museo d’Arte Moderna Bologna). È membro di Unicredit group. Dal 2008 presidente dell’Upa (l’associazione Utenti pubblicitari). Erede della dinastia che fondò la Buton, quella della Vecchia Romagna. «Quando abbiamo venduto la Buton la proprietà era divisa tra quaranta cugini primi, e l’offerta che ci è stata fatta dalla Grand Metropolitan andava bene a molti di noi. Io, che avevo studiato medicina e lavorato come neurologo (uno dei grandi luminari delle malattie del sonno, ndr) e che di tutta la famiglia ero quello meno interessato all’azienda, ho finito per diventare amministratore delegato della Buton e poi mi sono messo in proprio con la Valsoia».
• «In America avevo scoperto un tipo che sapeva tutto sulla soia, ma che trattavano come uno di quei matti della new age. Mi spiegò che cosa si poteva fare con la soia: yogurt, formaggi, gelato, primi e secondi piatti. Prima che io andassi via, mi allungò dei fogli: tenga, mi disse. Gliele regalo. Erano tutte le sue ricette» [a Pierangelo Sapegno 17/1/2013 Iod].
• «A 8 anni mi sono fatto regalare una macchina fotografica e un ingranditore. Passavo ore in camera oscura a stampare foto. Da lì ho cominciato a studiare i fotografi più sperimentali e ho conosciuto Man Ray che era al confine con la pittura» [a Pierangelo Sapegno 17/1/2013 Iod].
• Laureato anche in Critica d’arte (Firenze, 1981), è sempre alla ricerca di artisti emergenti: «Su e giù per la Cina , ha visitato oltre 70 studi di artisti e alla fine ne ha scelti 17. Li ha portati in Europa per farli conoscere. Li ha fatti comprare dalle fondazioni bancarie, ha organizzato mostre. Valevano 5 mila dollari, allora. Adesso alcuni arrivano a dieci milioni» [Iod].
• Maratoneta, corre spesso con Romano Prodi.
• Sposato con Veronica.