Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2012  giugno 03 Domenica calendario


Biografia di David Sassoli

• Firenze 30 maggio 1956. Giornalista. Politico. Del Pd. Dal 1 Luglio 2014 è vicepresidente del Parlamento europeo (con 393 voti). Nel 2013 candidato alle primarie del centrosinistra per il sindaco di Roma, con il 26% si piazzò seconda posizione dietro a Marino.
• «L’aspetto non mi ha mai ostacolato, ma non sono un divo. Sono molto noioso».
• A lungo giornalista, per 14 anni alla redazione romana del Giorno poi in Rai, al Tg3 («Mi volle Sandro Curzi, era il ’92») e al Tg1, dove è stato inviato speciale e vicedirettore (dal 2006 al 2009). Tra i fondatori dell’Associazione Articolo 21. È capodelegazione in Europa del Partito Democratico. Considerato l’uomo dei franceschiniani, la sua candidatura a sindaco di Roma ha avuto una spinta con l’appoggio di Umberto Marroni, capogruppo Pd in consiglio comunale, dalemiano. Polemiche per centinaia di cartelloni in tutta Roma (quasi tutti abusivi) vietati dal regolamento delle primarie.
• «Un personaggio che appartiene a quel milieu cattolico-democratico e democristiano, vicino al comunismo berlingueriano, un’origine che ne fa il primo vero candidato di Dario Franceschini, voluto a tal punto da oscurare una personalità come Goffredo Bettini. Certo, al grande pubblico degli elettori il messaggio che arriva è quello del Pd che candida un mezzobusto noto, anche se non popolare come la Gruber, capace alle Europee di un formidabile exploit con quelle 850.000 preferenze raccolte nella sua prima uscita in politica. E invece Sassoli è uno che la politica l’ha respirata in famiglia. Il papà Mimmo, personaggio di proverbiale finezza e riservatezza, democristiano fiorentino del gruppo raccolto attorno a Giorgio La Pira e a Nicola Pistelli, è stato direttore del Popolo e de La Discussione ed è proprio nelle file della sinistra dc che David muove i suoi primi passi. Amicissimo di personaggi come Paolo Giuntella e Giovanni Bachelet, nel 1979 David arriva in piazza Nicosia pochi minuti dopo l’attentato delle Brigate rosse che costò la vita a due agenti, i poliziotti sono tesissimi e finiscono per picchiare quel ragazzo dai capelli lunghi che, per difendersi, urla invano “Sono democristiano!”. Collabora con l’ufficio stampa della Dc ai tempi della segreteria De Mita, ma la sua vocazione è quella giornalistica. Racconta Guglielmo Nardocci, oggi inviato di Famiglia Cristiana: “David tornò da Parigi dove era stato con la sua Sandra, conosciuta sui banchi di scuola e alla quale è sempre stato legatissimo, e mi disse: ho sentito con le mie orecchie Gianni De Michelis dire a Oreste Scalzone che si sta lavorando ad un’amnistia...”. La notizia viene pubblicata da Famiglia cristiana, il presidente della Repubblica Pertini si infuria e lo scoop consente a Sassoli l’assunzione al Giorno, osteggiata dal ministro De Michelis e caldeggiata da Clemente Mastella, allora uomo-stampa di De Mita. Ma è nel successivo passaggio in Rai che si precisa la caratura ”catto-diessina” del giovane Sassoli. L’uomo dei collegamenti dalle piazze in una delle tante trasmissioni di Michele Santoro (“David dove sei?”), si rivela conduttore efficacissimo dell’edizione delle 20 del Tg1 e ne diventa vicedirettore nel lotto lasciato libero dalle dimissioni della diessina Daniela Tagliafico». [Fabio Martini, La Stampa 18/4/2009].
• «L’aria del bravo ragazzo, il look da eterno ulivista, girotondista perfetto, a un certo punto, Carlo Freccero gli affidò persino un impegnativo programma di approfondimento. Qualche critico storse il naso, scrisse che certi programmi hanno bisogno di maggior peso specifico, di esperienza, di necessità morale, di scarsa soggezione nei confronti dei politici, di curiosità, di idee, di cultura. Ma i critici sono fatti così, prentendono. Ebbene, succede che Sassoli si trova al prestigioso desco, la sera in cui bisogna fare il bilancio del primo anno di governo del centro-destra. Un bilancio, di solito, è composto da due voci principali: costi e ricavi o crediti e debiti o incassi e pagamenti. Insomma, luci e ombre. Quella sera, però, Sassoli preferisce la luce, e basta. Dimentico della sua passione politica e dei suoi trascorsi militanti, per una serena valutazione chiama quattro testimoni. Che sono il vicepresidente del Consiglio Fini, l’onorevole Calderoli e due ministri, Pisanu e Giovanardi. E, inevitabilmente, il bilancio risulta positivo, certificato, vantaggioso per tutti. Non ci permetteremmo mai di addossare una qualsiasi colpa al povero Sassoli (fosse stato per lui, il microfono l’avrebbe porto anche all’opposizione, magari a Rutelli e a Fassino o a Freccero o a Fiorello, cui ha poi ceduto la sedia). Questi, purtroppo, sono i rischi del mestiere, della celebrità, del realizzarsi alle otto della sera, a Saxa Rubra». [Aldo Grasso, Sette n. 21/2002].
• Sposato con Alessandra (conosciuta sui banchi del liceo), due figli: Giulio e Livia. Appassionato di musica classica, storia romana e giardinaggio: «Il mio orto è nella casa di campagna a Sutri. E poi la mia è la via antiberlusconiana al giardinaggio. Io pianto e zappo le piante. Lui le compra e basta». [Elisa Messina, Novella 2000 4/6/2009]