Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2012  maggio 31 Giovedì calendario


Biografia di Guido Meda

• Milano 26 marzo 1966. Giornalista tv. Mediaset. Noto per le telecronache della MotoGp. Dal 2014 commentatore della Superbike.
• «Era un grigio redattore sportivo di Mediaset, uno di quelli che la domenica vanno a bordo campo, fanno il temino per Sandro Piccinini, sposano una redattrice, stanno molto attenti ai turni settimanali ed estivi. Poi arriva la proposta di seguire le moto, di cui, probabilmente, Meda non sa nulla. Ma la tv moderna si basa non tanto sull’enunciato (ciò che viene detto e, per esteso, la competenza) ma sull’enunciazione (l’atto della comunicazione, i modi con cui le cose vengono dette). Per farla breve, adesso Meda gode persino di un fan club» (Aldo Grasso).
• «Mi hanno detto di avere l’autostima di una dodicenne bulimica. È vero: ho sempre bisogno di ricevere consenso. Di sentirmi amato e apprezzato» [Riders 4/2012].
• Sposato: «Ho conosciuto mia moglie a Perugia, durante una cena. Faceva la hostess e io ero fidanzato da 12 anni, ma ho subito capito che c’era qualcosa di importante. Aveva un che di familiare, assomigliava anche a mia madre. Era come se la conoscessi da sempre. Siamo stati fidanzati dal ’95 al 2001, tra fughe e controfughe mie. Dopo l’ultima è sparita. Andavo in chiesa a pregare Dio di farmela riconquistare. E, quando l’ho riacciuffata, l’ho sposata. L’unico investimento serio della mia vita» [Ibidem].