Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2012  maggio 31 Giovedì calendario


Biografia di Paolo Maurensig

• Gorizia 26 marzo 1943. Scrittore. Tra i suoi libri: La variante di Lüneburg (Adelphi, 1993), Canone inverso (Mondadori, 1996), L’uomo scarlatto (Mondadori 2001), Vukovlad. Il signore dei lupi (Mondadori, 2006), Gli amanti fiamminghi (Mondadori, 2008), La tempesta, il mistero di Giorgione (Editore Morganti, 2010). Da ultimo L’Arcangelo degli scacchi (Arnoldo Mondadori, 2014). Collabara con il Corriere della Sera.
• Era un agente di commercio.
• «Tengo un quaderno sul comodino, per annotare idee e spunti. Devo farlo appena apro gli occhi, altrimenti vanno perduti. Quando lavoravo a Canone inverso, mi sono svegliato una notte con l’intero romanzo ben chiaro in testa» (a Mariarosa Mancuso).
• Da La variante di Lüneburg ha tratto otto canzoni per la Fabula in musica portata in scena da Milva (musiche di Valter Sivilotti).
• Appassionato di scacchi: «Ho cominciato a giocare seriamente piuttosto tardi, quando avevo quasi trent’anni. Ho partecipato solo a due tornei, qualificandomi in prima categoria nazionale, che è un punto intermedio tra chi apprende le prime nozioni del gioco e il grande maestro».
• Suona il violoncello [Dario Fertilio, Cds 18/1/2010].