Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2012  maggio 31 Giovedì calendario


Biografia di Giuliana Longari

• Popoli (Pescara) 1943. Celebre campionessa di Rischiatutto, quiz condotto da Mike Bongiorno (in onda dal 5 febbraio 1970).
• «I quiz di allora sono paragonabili ai reality di oggi. Il Rischiatutto è un po’ il Grande Fratello: la nostra cabina è il loro confessionale. C’era già il voyeurismo. I telequiz vivevano della partecipazione di chi sta a casa, come accade per i reality show. Nel 1970 fui campionessa per 11 puntate, alla fine vinsi 13 milioni, forse 300 mila euro di oggi: comprai casa». «Però non era una sfida impossibile: la terza liceo, allora si portavano tutte le materie, era più dura. Ero fresca di studi e nelle 11 puntate non sbagliai mai la domanda sulla mia materia, la storia della Repubblica romana» (ad Andrea Laffranchi) [Cds 9/9/2009].
• Nella storia la volta che Bongiorno le disse «Lei mi cade sull’uccello... di Stravinskij»: «È una leggenda metropolitana nata a fine anni 70. Ma quella frase mi ha perseguitata per una vita».
• Dopo Rischiatutto lavorò alla radio «ma senza alcuna raccomandazione: d’altronde, avevo già lavorato per il cinema, ero stata segretaria di produzione con Dino De Laurentiis; Federico Fellini mi propose di far parte del cast di Amarcord, dopo avermi visto in tv voleva farmi fare la Gradisca: ma ero troppo magra» (a Leandro Palestini) [Rep 13/2/1995].
• La vincita non le cambiò la vita, «la sua famiglia era benestante, suo padre produceva un noto liquore: il Centerbe Toro» (Palestini, cit.).
• «Longari era il mio ex marito. Io sono Giuliana Toro» [2/10/2007 www.adnkronos.it].
• Nel 2011 a Pescara le fu assegnato l’Arcolaio d’argento, un premio istituito dal sindacato Ugl per «le donne abruzzesi che si sono distinte nei più svariati campi, spaziando dall’imprenditoria al volontariato» (Silvia Baldella) [ilcentro.it 15/3/2011].