Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2012  maggio 28 Lunedì calendario


Biografia di Luigi Brioschi

• Vimercate (Milano) 10 aprile 1941. Editore. Presidente e direttore editoriale (dal 1987) della casa editrice Guanda, ex direttore editoriale della Longanesi (dal 1999 al 2011).
• Laurea in Diritto ecclesiastico, parente alla lontana della moglie di Elio Vittorini, nel 66 «aveva già un curriculum di tutto rispetto come traduttore dall’inglese: Updike, Vonnegut, Dos Passos. Dal 69 a oggi un’irresistibile ascesa: dalla redazione Rizzoli alla direzione e poi alla presidenza Guanda, che occupa anche da direttore editoriale e consigliere d’amministrazione della Longanesi: è l’erede di uno dei mostri sacri dell’editoria italiana, Mario Spagnol. Eleganza anglosassone, fiuto sensibilissimo per le novità della letteratura, Brioschi è oggi tra le colonne del terzo polo librario italiano» (Paolo Di Stefano).• «Avventuroso con ordine, curioso con lombardo realismo (nonché quasi struggente legame con Milano), classico come le sue cravatte regimental, i completi british, il profilo severo: così, in apparenza. Ma l’uomo-libro della Guanda, è prima di tutto un editore-innamorato, un talent scout spesso infallibile quanto spericolato che alimenta una “smodata” passione tra incessanti letture, siano Flaubert e Joyce o Jonathan Foer, una delle sue scoperte americane, o siano state, all’inizio, le traduzioni: Updike, Vonnegut, Dos Passos, riferimenti già precisi, per le quali ha “obbedito” all’ordine di Vittorio Sereni, il suo poeta più amato: “tradurre è un’ispirazione ma al servizio del testo”» (Mirella Appiotti) [Tuttolibri – La Stampa 21/1/2012].