Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2012  maggio 28 Lunedì calendario


Biografia di Mariuccia Ciotta

(Maria) Roma 15 settembre 1947. Giornalista. Codirettore del Manifesto (con Gabriele Polo) fino a giugno 2009. Dopo l’insediamento di Norma Rangeri alla guida del quotidiano (maggio 2010) assume gradualmente una linea di dissenso culminata a fine 2012 con l’addio, al fianco di firme storiche come Rossana Rossanda.
• «Specialista del celentanismo», ha scritto Un marziano in tv (Eri-Clan, dedicato alla trasmissione televisiva Francamente me ne infischio, in onda nel 2001), Rockpolitik. Adriano Celentano (Bompiani, 2006), curatrice della collana Adriano, in edicola nel 2007 col Corriere della Sera: «La mia passione per Adriano nasce a metà degli anni Sessanta quando come una meteora lui irruppe nel placido mondo della canzone melodica italiana provocando una deflagrazione. Lui è stato, e lo è ancora, un innovatore sia dal punto di vista musicale che sociale. A quei tempi fece conoscere la cultura del rock americano aprendo ai giovani italiani un orizzonte meno provinciale» (Maurizio Di Gregorio) [Cds 13/2/2007].
• Esperta anche di cinema: «Le imperdibili pagine culturali del giornale (il manifesto, ndr) hanno orientato i gusti letterari, cinematografici di tre generazioni: Clint Eastwood era solo un regista fascistoide prima di essere sdoganato dai rutilanti pezzi dei critici cinematografici Mariuccia Ciotta e Roberto Silvestri» (Stefano Cappellini) [Rif 24/11/2009].
• Nel 2012 ha pubblicato insieme a Roberto Silvestri Il Ciotta-Silvestri. Cinema. Film e generi che hanno fatto la storia (Einaudi).
• In Walt Disney. Prima stella a sinistra (Bompiani, 2005) ha rovesciato i luoghi comuni e demolito le leggende sul padre del fumetto moderno.