Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2011  ottobre 22 Sabato calendario


Giovanni Giolitti

Mondovì (CN), 27 ottobre 1842 - Cavour (To), 17 luglio 1928. Magistrato, passò all’amministrazione delle finanze per volere del Sella; aderì al partito di Depretis ed in queste file fu eletto deputato nel 1882; si avvicinò poi al Crispi che gli affidò il ministero del tesoro (1889-1890) del suo secondo esecutivo, dal quale si dimise per dissensi con il presidente; avversò il Rudinì e diventò poi capo di un gabinetto di sinistra(1892-1893) con I’appoggio di Zanardelli; fu però un governo funestato da decessi e dimissioni di ministri (ci furono quattro guardasigilli), spazzato via dallo scandalo della Banca Romana; si oppose poi ai governi Pelloux e Saracco, aiutando la sinistra di Zanardelli che lo chiamò agli interni nel proprio governo (1901-1903); fu di nuovo presidente del Consiglio (1903-1905) e, dopo i governi Fortis e Sonnino, avvicinatosi di nuovo alla sinistra, riprese la guida del governo (1906-1909); ancora presidente del Consiglio (1911-1914), affrontò con successo la guerra libica; nel dopoguerra ritornò, dopo I’esperienza Nitti, come capo del governo (1920-1921) ma i tempi erano mutati e non riuscì più ad imporsi come in passato. [Figura 1998]