Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 1985  settembre 16 Lunedì calendario


Attentato terroristico a Roma 39 feriti

• Due bombe a mano sono state lanciate oggi, poco dopo le 23, tra i tavolini del Cafè de Paris affollati di gente, soprattutto turisti stranieri. Una sola è esplosa, ma è stata sufficiente per provocare almeno una quarantina di feriti tra i clienti che affollavano il famoso bar di via Veneto, proprio di fronte all’hotel Excelslor. Un paio, tra quelli trasportati al vicino ospedale San Giacomo e al più lontani Policlinico e San Giovanni verserebbero in gravi condizioni. Gli altri avrebbero riportato ferite, soprattutto escoriazioni e tagli, provocate da vetri e schegge e giudicate guaribili in 8-10 giorni. Una sola delle bombe lanciate dagli attentatori è esplosa e polizia, carabinieri e vigili del fuoco, oltre a impegnarsi nella già difficile opera di soccorso, hanno anche dovuto bloccare la centralissima via della capitale per permettere agli artificieri di disinnescare l’ordigno, sembra una bomba del tipo «F1» di fabbricazione sovietica, adagiato su una aiuola poco distante dalla porta del locale. L’azione è rivendicata dall’Organizzazione Rivoluzionaria dei Socialisti Musulmani, che sostiene che il luogo «è un covo dei servizi anglo-americani».