Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 1992  luglio 24 Venerdì calendario


I funerali privati di Paolo Borsellino

• Diecimila persone partecipano ai funerali privati di Borsellino (i familiari hanno rifiutato il rito di Stato), celebrati nella chiesa di Santa Maria Luisa di Marillac, disadorna e periferica, dove il giudice era solito sentir messa, quando poteva, nelle domeniche di festa. L’orazione funebre la pronuncia Antonino Caponnetto, il vecchio giudice che diresse l’ufficio di Falcone e Borsellino: «Caro Paolo, la lotta che hai sostenuto dovrà diventare e diventerà la lotta di ciascuno di noi». Pochi i politici: Francesco Cossiga, il presidente Scalfaro, Fini, Martelli. Il funerale è commosso e composto, interrotto solo da qualche battimani. Qualche giorno prima, ai funerali in Duomo degli agenti della scorta, la folla inferocita aveva riempito d’insulti i politici, erano volati pure calci e schiaffi [Marzio Breda 25/7/1992]