Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 1952  00 calendario


1952-1954. Gassman fonda il Teatro d’arte Italiano

• Nel 1952 con Squarzina fonda e dirige, fino al 1954, il Teatro d’arte Italiano: «Andai direttamente da Andreotti per ottenere una sovvenzione necessaria, e lui me la concesse dopo solo un colloquio in cui capì che le intenzioni erano molto serie...». Per il suo primo Amleto, successo di critica: «Non ricordiamo d’aver mai assistito, neanche all’estero, a una esecuzione dell’Amleto ricca di suggestioni così profonde» (Silvio D’Amico, Il Tempo 29/11/1952); per Tieste Salvatore Quasimodo si chiede: «Ha dimostrato Gassman la teatralità di Seneca? In parte sì, cioè quando ha affidato alle parole e non all’urlo la verità poetica dello scrittore latino, quando la recitazione pura non ha soffocato il tentativo di rendere il personaggio attraverso i monologhi senechiani. (...) È stata una contaminazione voluta la sua, un modo di correggere il fatto teatrale con la presenza dell’uomo della cronaca, della vita. Su questa strada Gassman ha i suoi diritti: ne valutiamo i meriti, più numerosi dei suoi tenaci, fumosi scatti d’eloquenza» (Salvatore Quasimodo). [Gambetti 1982; Cds 18/10/1994]