Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2008  aprile 02 Mercoledì calendario


Il caso Alitalia

• Verso le sette di sera, monsieur Spinetta ha abbandonato al suo destino Alitalia, rompendo la trattativa con i sindacati e tornandosene a Parigi. Le otto sigle rimaste a trattare (la nona, cioè la Uil, non s’era mai seduta al tavolo sostenendo che si doveva aspettare il voto) avevano proposto ad Air France un nuovo piano, nel quale i francesi, oltre a rinunciare ad alcuni tagli e ad anticipare alcuni investimenti, avrebbero dovuto accettare come socio Az Service, la compagnia di servizi a terra che era stata separata da Alitalia nel 2005 e che sta in piedi solo perché pratica ad Alitalia - suo unico cliente - prezzi completamente fuori mercato, nonostante questo risultando pure abbondantemente in rosso. Spinetta, vista la proposta, ha immediatamente salutato. I sindacati si sono trovati perciò di fronte alla responsabilità di aver mandato via l’unico acquirente concretamente manifestatosi negli ultimi 18 mesi. Mentre scriviamo c’è ancora una speranza di riagganciare i francesi. Ma molto flebile. [Giorgio Dell’Arti]