Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 1870  settembre 20 calendario


Anche Bixio entra in città

Ore 22-23. Tre battaglioni del generale Bixio cominciano a invadere Trastevere entrando da porta Portese. Quelle guidate dall’ufficiale “garibaldino” sono le ultime truppe, tra le cinque divisioni italiane che hanno dato battaglia, a entrare in città: ma sono le prime a farlo sulla riva destra del Tevere, nel rione che confina con il Vaticano, la cittadella del papa. Bixio ha dovuto aspettare 12 ore, da quando sulla basilica di San Pietro è stata innalzata la bandiera bianca, per avere dal comando italiano l’autorizzazione a varcare le mura. Segno, questo, della grande prudenza con cui Cadorna (e sopra di lui Vittorio Emanuele II e Giovanni Lanza) intende procedere nelle ultime fasi della presa di Roma.