Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2014  ottobre 23 Giovedì calendario


ANCHE COLAO TRA I CAVALIERI DEL LAVORO

Verranno designati oggi i 25 nuovi Cavalieri del Lavoro, l’Ordine fondato nel 1901 che ha come soci gli imprenditori che si sono distinti nei diversi settori dell’economia, contribuendo allo sviluppo sociale, occupazionale e tecnologico e alla crescita del prestigio del made in Italy. Tra questi, spazio al mondo della finanza e della tecnologia, a partire da Vittorio Colao amministratore delegato di Vodafone, la società che ha sede a Londra ed è la seconda compagnia di telefonia mobile su scala mondiale, con 252 milioni di clienti. Colao è uno dei manager italiani più in vista, proprio perché guida un colosso internazionale che tra l’altro è atteso a una corposa campagna acquisti nei prossimi mesi. Insieme al manager di Vodafone verranno premiati, per il mondo della finanza, anche Federico Ghizzoni (amministratore delegato di Unicredit), Mario Greco (ceo delle Generali) e Marco Jacobini (presidente e ad della Banca Popolare di Bari). I primi due sono alla guida di gruppi finanziari italiani con una grande vocazione internazionale. Ghizzoni ha iniziato la sua carriera nel 1980 al Credito Italiano, mentre Greco (uomo di assicurazioni) nel 1994 è arrivato al gruppo Ras, poi traghettata all’interno del colosso Allianz. Insieme a questi esponenti del mondo della finanza e della tecnologia saranno nominati Cavalieri anche Gian Luigi Angelantoni (presidente dell’omonimo gruppo umbro), Alì Reza Arabnia (presidente e ad dell’industria meccanica Geico), Franca Audisio Rangoni (presidente e amministratore delegato dell’azienda di famiglia Dual Sanitaly), Giuseppe Bono (amministratore delegato di Fincantieri), Renato Brevini (presidente dell’emiliana Brevini), Leonardo Caltagirone (fratello di Francesco Gaetano e fondatore del gruppo Leonardo Caltagirone), Augusto Cosulich (imprenditore genovese del ramo marittimo, armatore e rappresentante in Italia del gruppo cinese Cosco e di quello turco Arkas), Giancarlo Dani (presidente del gruppo Dani), Claudio Del Vecchio (presidente e ad del gruppo del lusso Brooks Brothers), Armando De Matteis (imprenditore della pasta Baronia), Nardo Filippetti (a capo del gruppo Eden Viaggi), Daniela Gennaro, presidente di Vin Service), Gian Luca Gessi (presidente del gruppo di arredobagno Gessi), Gianluca Grimaldi (a capo del gruppo Grimaldi, attivo nel trasporto marittimo), Valentino Mercati (fondatore del marchio Aboca), Rosita Missoni Jelmini (che guida l’omonimo gruppo di abbigliamento), Vittoria Montone (Casa di Cura Santa Maria del Pozzo), Patrizia Moroso (consigliere dell’azienda d’arredamento Moroso con delega alla direzione artistica e al design), Valerio Morra (presidente e ad del Gruppo Argo), Simonetta Stronati (ad della società che si occupa di moda per bambini Simonetta) e infine Elena Emilia Teresa Zambon (presidente della storica azienda chimica Zambon).
Mattia Franzini, MilanoFinanza 23/10/2014