Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2013  agosto 12 Lunedì calendario


CARMEN LLERA DA’ RIPETIZIONI SULLA SIRIA ALLA GRILLINA

È sempre difficile il rapporto tra grillini e intellettuali del Pd. Beppe Grillo li copre di insulti, loro si sentono superiori. Prendiamo la scrittrice Carmen Llera Moravia, pasionaria del Pd con calo del desiderio politico, come spiega a Marco Filoni sul «Il Fatto quotidiano». Il Pd, dice, è un «partito di defunti» che «non seduce» più - almeno rispetto ai tempi della sua liaison con Piero Fassino.
E i Cinque stelle? Peggio, dice annoiata la vedova di Alberto Moravia: «Sono "normali" e senza cultura»; un amico simpatizzante le ha chiesto di «fare ripetizioni a una deputata grillina», cui lei ha «spiegato per filo e per segno cosa stava succedendo» in Siria. Quella «alla fine se ne è andata senza nemmeno ringraziare».
Chi è l’ingrata? Llera Moravia dice che fa parte della Commissione esteri della Camera, restringendo a due le candidate: Maria Edera Spadoni e Marta Grande. Contattata al telefono, Grande conferma l’incontro ma precisa: «Un amico in comune mi aveva detto che Carmen Llera aveva informazioni da darci, sui siriani in Italia, riguardo certi problemi con le case che hanno lì. Non sapevo - ironizza - di essere andata a ripetizione». Anche perché, immaginiamo, avrebbe chiesto una ricevuta. [...]