Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2013  aprile 08 Lunedì calendario


14 marzo 1912, Vittorio Emanuele III subisce un attentato. I sovrani si recano al Pantheon per assistere a una messa in suffragio di Umberto I

14 marzo 1912, Vittorio Emanuele III subisce un attentato. I sovrani si recano al Pantheon per assistere a una messa in suffragio di Umberto I. Presso l’edificio un uomo spara tre colpi. Il primo colpo non parte neppure, il secondo ferisce il maggiore Lang, il terzo, deviato da un agente che aveva afferrato il braccio dell’attentatore, colpisce il cavallo dello stesso maggiore. Lang resta in sella finchè sviene e il cavallo, tenendo il suo posto a fianco della carrozza di Vittorio Emanuele, giunge fino al Pantheon, e qui cade a terra morendo. Giunti sul luogo, il re, baciando la mano alla madre disse, con il suo solito fare ermetico: «Abbiamo fatto tardi perché c’è stato un attentato». Un umorismo dal sapore inglese più volte utilizzato nel corso della sua esistenza, come l’episodio (maggio 1942) di Tirana, quando lo studente Mikailoff attentò alla sua vita con cinque colpi di pistola. Il re sorrise e commentò: «Come spara male!»