Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2005  aprile 28 Giovedì calendario


Paradossi. Dalla metà degli anni Ottanta la zona compresa tra Prato e dintorni è stata una delle mete più ambite dall’immigrazione orientale in Italia

Paradossi. Dalla metà degli anni Ottanta la zona compresa tra Prato e dintorni è stata una delle mete più ambite dall’immigrazione orientale in Italia. All’inizio gli stranieri rappresentavano solo manodopera per le imprese locali, ma ben presto i cinesi iniziarono a investire in pelli e tessuti, dando vita a una colonia produttiva che oggi conta 20.000 persone, irregolari compresi: l’integrazione imprenditoriale cinese a Prato è talmente avanzata che la comunità ora dispone di un proprio rappresentante nell’Unione industriale pratese, l’imprenditore quarantenne Xu Qiuu Lin, in città da vent’anni. Inoltre, molte imprese hanno via via acquisito le tutele proprie dei sistemi occidentali, tanto che esse stesse subiscono la concorrenza cinese dopo l’accordo multifibre tra la Ue e Pechino sulla liberalizzazione del mercato tessile (entrato in vigore a gennaio). Alcuni imprenditori cinesi di Prato, così, meditano di spostare la produzione al sud, dove il costo del lavoro è più basso, o nell’est europeo.