Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2005  aprile 28 Giovedì calendario


Hokusai, artista giapponese vissuto tra il 1760 e il 1849, ritrasse più di 140 volte il monte Fuji

Hokusai, artista giapponese vissuto tra il 1760 e il 1849, ritrasse più di 140 volte il monte Fuji. Influenzato da alcune incisioni olandesi rivoluzionò la tecnica tradizionale delle stampe su legno: al posto di samurai e geishe mise ritrasse gente comune, pescatori e contadini; introdusse le prospettive e le ombre; dipinse opere di duecento metri quadri. Una delle sue tecniche era quella di far camminare galline sulle carte affinché lasciassero impronte. Aveva tra l’altro la mania di cambiare nome. Quando morì, a 89 anni, fece incidere sulla tomba un nome diverso dal suo (anche Hokusai non è quello vero): Manji, che vuol dire "vecchio pazzo per il disegno".