Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2003  maggio 20 Martedì calendario


Cattabiani ALFREDO

• CATTABIANI Alfredo. Nato a Torino il 26 maggio 1937, morto a Santa Marinella (Roma) il 18 maggio 2003. Scrittore. «Portò in Italia Il signore degli anelli di Tolkien. Fu la vera anima della casa editrice Rusconi, qualcuno dice il fondatore di fatto. [...] Studioso di storia delle religioni, era una vera autorità in campo di simbolismo e tradizioni popolari. Dal ’ 69 al ’ 79 fu il direttore editoriale della Rusconi a Milano, guidandone le scelte (come quella di Tolkien). La rese, come ricordava Quirino Principe, che fu fra i suoi collaboratori, "scandalosa, poiché politicamente e culturalmente scorrettissima, tale da scontentare la ’sinistra’ ma anche (e forse più) la ’destra’". Fra i numerosi saggi scritti, quelli dedicati ai Santi d’Italia (Rizzoli), al Calendario (Rusconi), al Lunario, Planetario e all’Acquario ( Mondadori)» ("Il Messaggero" 19/5/2003). «"Nel 1979, dopo una pluriennale persecuzione della sinistra nei confronti della sua politica culturale, giudicata una pericolosa minaccia al monopolio delle culture marxista- leninista e neoilluminista, è costretto ad abbandonare l’editoria". Così parla di sé in un articolo pubblicato da "Il Giornale", all’indomani della sua morte. [...] E’ fuori discussione che negli anni 60 e 70, lo scrittore sia stato lontano dal centro della vita culturale ed editoriale, dominata dalle correnti di cui denuncia l’ "intolleranza" anche al passo d’addio. [...]Per la cultura italiana, però, è stata forse una fortuna che Cattabiani sia stato "lontano dal centro". Dopo una breve esperienza alle "Edizioni dell’albero", vicine al filosofo cattolico Augusto Del Noce, diresse l’editrice "Borla" di Torino creando nuove collane dirette appunto da Del Noce e dallo stesso Zolla, dove comparivano nomi come Mircea Eliade, Simone Weil, il rabbino Heschel, Chogyam Trungpa, il lama tibetano che fu maestro di Ginsberg e della beat generation. Certo, in una società dove chiedersi da che parte stiano gli intellettuali è quasi un riflesso condizionato, Cattabiani fu etichettato come uomo di destra, anche se sarebbe stato più giusto parlare (per quel che valgono le definizioni) di cattolico-conservatore. Le sue scelte furono criticate, anche duramente, soprattutto dopo che Edilio Rusconi lo chiamò per creare e dirigere la sezione libri del suo gruppo, che s’impose grazie a opere come Il Signore degli Anelli di Tolkien, Difesa della luna di Ceronetti, Il flauto e il tappeto della Campo, Il quinto evangelio di Pomilio. I miti, le religioni, la spiritualità sarebbero venuti di moda quasi vent’anni dopo, ma è merito di Cattabiani se l’Italia di allora conobbe Urs von Balthasar, Coomaraswamy, Guénon, Marius Schneider, Pavel Florenskij. Nel ’79, come scrive nel necrologio di se stesso, l’editor dovette mollare, ma la sua conoscenza delle religioni, dei simboli e dei miti gli aprì una via alla scrittura, anch’essa eccentrica rispetto ai canoni della modernità. Cattabiani riprese in mano antichi bestiari, erbari, florari, lunari, che divennero altrettante opere dalla preziosa iconografia dove ogni animale o pianta è il cuore di galassie di riferimenti archetipici, leggendari, popolari, poetici. Ricordiamo uno degli ultimi titoli, Planetario, dove passa una a una le costellazioni, descrivendone l’origine mitica e la valenza simbolico-religiosa via via assunta nell’immaginario dei popoli. Sarebbe sciocco dare lettura politica agli straordinari viaggi di Cattabiani nel labirinto dei simboli: negli anni 70 un mitologo di sinistra, Furio Jesi, accusava la cultura progressista di avere snobbato i miti lasciandone il monopolio alla destra. Ma nel frattempo, per fortuna, sono crollati molti muriv (Cesare Medail, "Corriere della Sera" 20/5/2003).