Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 1998  luglio 13 Lunedì calendario


Intervistata da Gigi Marzullo, l’attrice Lea Massari racconta che il grande amore della sua vita morì otto giorni prima del matrimonio: «Avevo ventun anni

Intervistata da Gigi Marzullo, l’attrice Lea Massari racconta che il grande amore della sua vita morì otto giorni prima del matrimonio: «Avevo ventun anni. Mi ha ribaltato completamente la vita. E sono sopravvissuta a lui, anche se una buona parte di me è morta insieme a lui. Ed è sopravvissuta la peggiore, probabilmente, perché, per lui, ero pronta a qualsiasi cosa». Ed era lui l’amore della sua vita? «Era lui». Come ha fatto a capire che era lui? «Era una persona che mi aveva completamente battezzata alla vita. Mi aveva insegnato tutto. Mi aveva fatto dimenticare un’infanzia, una giovinezza molto sgradevoli [...]» Quando lo aveva conosciuto questo suo grande amore? «Quando avevo diciannove anni e mezzo. Stavamo insieme da un anno mezzo». Stavate per sposarvi? «Sì».  dentro di lei questa lacuna? L’ha sempre con sé? «Completamente». E si è sposata con un’altra persona? «Mi sono sposata dieci anni dopo». Nel frattempo senza uomini? «Ho avuto degli incontri con uomini. Ne ho avuti quanti ne ho voluti. Mai una volta ho pouto pensare di sposarmi. Non ce la facevo. Era più forte di me [...]». Leo è stato il primo uomo che ha incontrato nella vita? «Assolutamente. Il mio primo uomo». Il suo primo bacio, il primo incontro intimo con l’altro sesso? «Sì. Ed è stato una persona alla quale ho dovuto chiedere per sei mesi di farmi iniziare la mia vita di donna. stato così intelligente che se lo è fatto chiedere per sei mesi. Questo non è poco [...]». L’attrice, che a 8 anni fu sfigurata da una pentola piena d’olio bollente cadutale sulla faccia, dice che nella prima adolescenza ebbe molti problemi ma poi...: «Poco dopo aver riacquistato una presenza fisica accettabile, un giorno sento un certo Antonio Detefé, un bellissimo ragazzo dei Parioli, chiedere ad un altro: ”Ma chi è ’sta bella ragazza?”. Ero convinta che ce l’avesse con qualcun’altra. Ho cercato con gli occhi la ragazza, ma in quel momento non c’era nessun altro. E ho pensato ”... per caso, dirà a me, questo? impazzito!”. E ho scoperto quel giorno di poter avere una considerazione da parte di un uomo. stata un’emozione». Quanti anni aveva? «Diciassette e mezzo». Le considerazioni si sono poi moltiplicate? «Sì. Molto. Mi sono vendicata sugli uomini». Hanno sofferto molto? «Moltissimo».