Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 1999  ottobre 01 Venerdì calendario


Nel decreto numero 203 del 22 settembre 1997 il ministero del Tesoro stabilisce materiali e misure dei mobili per arredare i suoi uffici in funzione del grado dei dipendenti

Nel decreto numero 203 del 22 settembre 1997 il ministero del Tesoro stabilisce materiali e misure dei mobili per arredare i suoi uffici in funzione del grado dei dipendenti. Il tavolo del dirigente, 1,80x90, in noce nazionale o palissandro («Junglans regia e Dabergia latifolia»), è provvisto di «mobile di servizio con allungo», portatelefono, cassettiera e «tavolo di smistamento». Il tavolo del «funzionario con qualifica corrispondente alla ex carriera direttiva», 1,60x80, in noce tanganica, costa un quinto di quello del dirigente. La scrivania dell’impiegato di VI-V-IV livello, rivestita di plastica antimacchia con laminato antiriflesso, ha una struttura «metallica con montanti laterali» («tutti i bordi devono essere adeguatamente rifiniti»). Materiali prescritti per il «sediame»: tessuto o velluto per il dirigente (a cui spetta la poltrona con braccioli che ruota a 360 gradi, si alza e si abbassa), «gusci di materiale plastico antiurto» per il funzionario, poliuretano espanso per l’impiegato. «Rapporto tra altezza dello schienale e profondità utile del sedile»: non inferiore a 1,35 per il dirigente, tra 1,35 e 1,20 per il funzionario, tra 1,20 e 1 per l’impiegato. Il regolamento interno della Banca d’Italia prevede la presenza di una pianta nell’ufficio dei dirigenti, all’Italgas gli impiegati lavorano su tavoli regolabili in altezza mentre i dirigenti hanno il piano in noce. Per risparmiare sulle spese di affitto l’ultima Finanziaria prevede riduzioni di spazio: ventisette metri quadrati per ogni impiegato pubblico anziché trenta. Paolo Villaggio, che con Fantozzi esprimeva «la paranoia di chi soffriva la mancanza di questo potere espresso in simboli»: «Non immaginavo che sarebbe diventato tutto vero. Tragicamente, mostruosamente vero. Il burocrate mi ha scavalcato, io facevo più ridere ma lui ha più immaginazione».