Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

Biografia di Camillo Casati Stampa di Soncino Senior

Muggiò (Milano) 2 novembre 1877 – Roma 18 settembre 1946. Marchese.

Il matrimonio di Camillo Casati con Luisa Amman

• Figlio di Gian Alfonso Casati e Luisa Negroni-Prati-Morosini. Il 16 novembre 1890 ottiene il rinnovo del titolo di conte con Regio Decreto motu proprio e il 14 febbraio 1892 ottiene quello di marchese e l’autorizzazione ad aggiungere al proprio cognome quello di Stampa di Soncino. Nel 1900 prende in moglie Luisa Adele Rosa Maria Amman, ricca ereditiera ventiduenne, e il 15 luglio nel 1901 nasce la primogenita Cristina, che ben presto andrà in collegio in Inghilterra (morirà a Londra nel 1953). La marchesa è una donna eccentrica e ha una relazione con Gabriele D’Annunzio e porta alla disperazione il marito. Camillo, non riuscendo a tenere a bada la moglie, decide di separarsi e si trasferisce nel 1914 a Roma.

L’isola di Zannone

• Appassionato di ornitologia e di caccia prende in affitto, per una somma irrisoria, l’isola di Zannone, una riserva di circa 102 ettari, un’altezza di 194 metri. Dal rudere di un monastero cistercense del XIII secolo fa costruire un villa con due splendide terrazze: una dà sull’isola di Ponza, l’altra su Palmarola.

Camillo, il secondo figlio del marchese Casati Stampa

• A Roma il marchese frequenta Anna Ewing Cockrell (22 giugno 1898), figlia del senatore americano Francis Marion Cockrell. Insieme vanno a vivere a palazzo Barberini e ben presto la donna resta incinta. Il marchese, una volta accertatosi del sesso del bimbo (non voleva un’altra femmina), lo riconosce ma presto se ne disinteressa. Tuttavia lo nomina suo erede e provvede a tutti i bisogni economici del figlio e della madre.

• Muore a Roma il 18 settembre 1946.