Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 14 Giovedì calendario

Renato Curi

Montefiore (Ascoli Piceno) 20 settembre 1953, Perugia 30 ottobre 1977. Calciatore. Centrocampista, inizi nel Giulianova (D e C), nel 1973/1974 in B col Como, nella stagione successiva passò al Perugia, con cui conquistò subito la promozione in A. Morì durante una partita con la Juventus: poiché già ai tempi del Como gli esami avevano mostrato problemi di cuore e l’autopsia aveva attribuito il decesso a un’«anomalia cronica», furono rinviati a giudizio Mario Tomassini (medico sociale del Perugia), Fino Fini (direttore del centro tecnico federale di Coverciano), Giancarlo Branzi (cardiologo consulente): quest’ultimo fu prosciolto con formula piena già in primo grado, gli altri due furono assolti per insufficienza di prove, condannati a un anno in secondo grado (omicidio colposo), assolti nel nuovo processo indetto dalla Cassazione. Soddisfatta dei rimborsi ottenuti, la vedova Clelia Bucciacchio non si costituì in giudizio. Il 26 novembre ’77 gli fu intitolato lo stadio di Perugia.

Biografia di Renato Curi

Montefiore (Ascoli Piceno) 20 settembre 1953, Perugia 30 ottobre 1977. Calciatore. Centrocampista, inizi nel Giulianova (D e C), nel 1973/1974 in B col Como, nella stagione successiva passò al Perugia, con cui conquistò subito la promozione in A. Morì durante una partita con la Juventus: poiché già ai tempi del Como gli esami avevano mostrato problemi di cuore e l’autopsia aveva attribuito il decesso a un’«anomalia cronica», furono rinviati a giudizio Mario Tomassini (medico sociale del Perugia), Fino Fini (direttore del centro tecnico federale di Coverciano), Giancarlo Branzi (cardiologo consulente): quest’ultimo fu prosciolto con formula piena già in primo grado, gli altri due furono assolti per insufficienza di prove, condannati a un anno in secondo grado (omicidio colposo), assolti nel nuovo processo indetto dalla Cassazione. Soddisfatta dei rimborsi ottenuti, la vedova Clelia Bucciacchio non si costituì in giudizio. Il 26 novembre ’77 gli fu intitolato lo stadio di Perugia.