Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 12 Martedì calendario

Raiz

Biografia di Raiz

• (Gennaro Della Volpe) Napoli 22 aprile 1967. Cantante. Noto anche come Raìss, Reeno ecc. Leader degli Almamegretta (Animamigrante, Sanacore, Indubb, Imaginaria, ecc.). Dopo un periodo da solista (Wop, 2004, Uno, 2007, e YA!, 2011), nel 2013 ritorna stabilmente con il gruppo (Controra). Anche attore in Aspettando il sole (Panini, 2008) e Tatanka (Gagliardi, 2011).
• «Creammo il gruppo alla fine degli anni Ottanta per fare black music. Nel tradurre i testi reggae dall’inglese al napoletano ci siamo accorti di quanti elementi avessero in comune: dalla malinconia dei temi alla passionalità delle intonazioni, dalle tonalità in minore alla ripetitività ossessiva di un ritmo che fa cadere quasi in trance gli interpreti collocandoli in una sospensione temporale rarefatta in cui le sofferenze di un intero popolo vengono evocate e quasi trasfigurate dalla musica. Come accade nelle Tammuriate, ad esempio».
• «A sei anni fui catapultato nella periferia orientale di Milano dove sono rimasto per altri dieci. Sono cresciuto nel mito di Napoli e quando all’indomani del terremoto del 1980 siamo ritornati, ero animato da una gran voglia di entrare in questa realtà, di ricongiungermi alle mie radici».
• «Io mi rivolgo a quelli che pagano le tasse, a quelli che cadono dal quinto piano perché stanno lavorando in nero su un’impalcatura a rischio, alla gente che sulle prime pagine non finisce mai. A differenza dei camorristi, belli e abbronzati».
• Convertitosi alla religione ebraica, in gara al Festival di Sanremo 2013 con gli Almamegretta, ha preferito non esibirsi nella serata del venerdì di Sanremo story, per rispetto dello shabbat.
• Sposato con Daniela, italo-israeliana: «Daniela ha una storia incredibile: i suoi nonni, di origine ungherese, rimasti vedovi ma sopravvissuti ai campi, si sono sposati. Dopo la guerra, tra le macerie di Varsavia hanno messo su famiglia e con le valigie di cartone hanno fatto ritorno in Israele. Lì hanno costruito una casa fuori Tel Aviv, affacciata sul mare. E ora in quella casa, piena di ricordi, ci abitiamo noi» (a Tv Sorrisi e Canzoni).