Questo sito utilizza cookies tecnici (propri e di terze parti) come anche cookie di profilazione (di terze parti) sia per proprie necessità funzionali, sia per inviarti messaggi pubblicitari in linea con tue preferenze. Per saperne di più o per negare il consenso all'uso dei cookie di profilazione clicca qui. Scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie Ok, accetto

 2017  dicembre 15 Venerdì calendario

• Roma 14 maggio 1963. Banchiere. Dal novembre 2012 co-amministratore delegato di Ubs Investment Bank. Ex presidente esecutivo di Bofa-Merrill Lynch. Nell’autunno 2010 si fece il suo nome per la successione di Alessandro Profumo a capo di Unicredit.
• «(...) Romano – e romanista – si affermò in Merrill Lynch come capo europeo dell’investment banking. Molte fusioni ha architettato in prima persona: Unicredit-Hvb e poi Capitalia, Intesa-Sanpaolo, lo spezzatino di Abn Amro tra Rbs, Fortis e Santander. E diverse operazioni di Fondazione Cariverona (...) L’agenda di Orcel è più globale che italiana, benché nel Paese d’origine, oltre a Profumo, sia ascoltato consulente di Passera e Bazoli (...) Dal 2009, quando l’aggressiva Merrill Lynch fu inglobata dalla tranquilla – e meno a rischio crac – Bank of America, Orcel è diventato presidente esecutivo di global banking e mercati. (...)» (Andrea Greco) [Rep 24/9/2010].
• «Parla “correntemente” inglese, francese e spagnolo, è stato protagonista di una quantità di operazioni straordinarie nella finanza europea da un decennio. Sia le fusioni e acquisizioni degli anni ruggenti, sia gli smembramenti e le dolorose ricapitalizzazioni degli anni post crisi, a volte originate da un eccesso di euforia e denaro facile degli anni precedenti. Banco Santander, Unicredit, Intesa Sanpaolo sono stati tra gli istituti suoi grandi clienti nel periodo» (Andrea Greco) [Rep 22/3/2012].
• «(...) Nel 2008 ha percepito un bonus da 33,6 milioni di dollari e la Merrill Lynch non lo ha spiegato nei dettagli, proprio nell’anno in cui la banca d’affari è stata salvata dalla bancarotta ad opera di Bank of America. (...)» (Giovanni Pons) [Rep 27/9/2010].
• Il Guardian lo ha definito il «Ronaldo» dei banchieri a causa della sua remunerazione. Arrivato in Ubs ha ricevuto 26 milioni di dollari come bonus d’entrata (Cds 15/3/2013).
• «(...) Molto vicino a Paolo Biasi (...)» (Massimo Sideri) [Cds 23/9/2010].